vulvodiniaUn bruciore lancinante…
Un dolore continuo
Un fastidio che non parte.
Vergogna, difficoltà nei momenti quotidiani e nell’incontro con l’altro.

Riuscirò mai a stare meglio?

Purtroppo una percentuale molto elevata di donne soffre di dolori intimi. Questi dolori sono concentrati sulla zona vulvare, rendendo difficile svariati movimenti della vita quotidiana, cosi come l’avere rapporti intimi soddisfacenti e senza dolore.

Le cause di questi dolori sono poco studiati e poco conosciuti. Sono complesse e multifattoriali, andando a toccare la parte più delicata della donna.

Cercherò ora di dare qualche elemento di comprensione. L’ambizione di questo articolo non è quello di dare informazioni enciclopediche, ma piuttosto una riflessione proveniente dalle mie ricerche personali e professionali sull’argomento.

– Il nostro corpo, e il bacino, sono sostenuti dal pavimento pelvico. Si tratta di vari strati di muscoli, indispensabili sia per la nostra salute intima che per il funzionamento di tutto il corpo. Si parla spesso di perineo intorno alla gravidanza, per aiutare i muscoli a avere e recuperare una buona tonicità. Ma i muscoli del perineo sono importanti durante tutta la vita della donna, e in molti casi il problema non è la mancanza di tono, bensì un ipertono. Ovvero il fatto che il muscolo sia troppo contratto, in permanenza. Questa contrattura porta ad un’infiammazione dei tessuti e nervi locali, risultando in un dolore continuo a livello vestibolare (parte della vulva).

vulvodinia 2– La posizione dell’utero è fondamentale, per il buon equilibrio di tutta la zona del bacino, il pavimento pelvico, ma anche la zona vulvare. Più dettagli in questo articolo. Anche un sacro in salute è importante, i nervi che innervano il clitoride e la vulva passano dai fori del sacro, e possono essere messi in difficoltà da aderenze o congestione.

– Le nostre cellule registrano i traumi che subiamo. Questi traumi possono essere di vario tipo: fisici (come una caduta, infezioni e/o lesioni, etc), psicoemotivi (sfide relazionali, accettazione dell’essere donna, etc) o psicofisici (abusi o vissuto sessuale difficile, etc.). Una risposta dei muscoli può essere il contrarsi: per chiudere la porta al vissuto difficile da affrontare ed elaborare. Un approccio rispettoso della persona nella sua globalità, nell’accoglienza di quanto può emergere, è fondamentale.

– L’infiammazione in un’area del corpo non si può considerare unicamente a livello locale. L’infiammazione generale dell’organismo ha un ruolo importante, ed è indispensabile osservare la funzione digestiva. Troppi alimenti creano infiammazioni (come lo zucchero e le farine raffinate, i lieviti industriali, i latticini, etc) e possono rendere più faticosi vari meccanismi fisiologici. Ne possono risentire il sistema ormonale, immunitario e nervoso, con un’incidenza sui tessuti, anche vulvari.

 

Quali piste ci possono aiutare a sostenere il corpo nel suo processo di guarigione?
Nei prossimi articoli entreremo nel dettaglio del sostegno del corpo per un benessere pelvico e vulvare. Per essere informata/o, iscriviti alla lettera mensile.

Queste informazioni non si sostituiscono in nessun caso ad un parere, una diagnosi, e cure mediche. Sono fornite a titolo indicativo, per migliorare il benessere intimo e come complemento per il sostegno del corpo. Per qualsiasi dubbio riguardo la tua salute, rivolgiti al tuo medico o alla tua ostetrica.

Per approfondire come sostenere il tuo corpo in modo naturale, con un accompagnamento individuale, è possibile prenotare una consulenza mirata sul benessere intimo e riproduttivo, a Genova, Milano, o a distanza (via skype).

Condividi

Altri articoli che potrebbero interessarti :

endometriosi

Dolore pelvico cronico (endometriosi e vulvodinia) – 22 sett a Milano

vapeurs vaginales

Vapori vaginali: 5 ragioni per farli

endométriose

Endometriosi: testimonianza di una guarigione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *