uteroHai mai sentito parlare di uteri che vanno a spasso ? Leggermente a destra, a sinistra, indietro o in avanti, a seconda dei movimenti e attività della donna, e di quello che sta vivendo?

Poco tempo fa, neanch’io. E vi assicuro che non è uno scherzo. Ho approfondito, cercato e studiato: L’utero è sostenuto da vari legamenti, e, nell’ideale delle cose, dovrebbe essere abbastanza mobile e posizionato leggermente curvo sulla vescica. I problemi invece cominciano quando rimane bloccato in una posizione non ottimale: retroverso, su un lato piuttosto che un altro, etc.

Perché succede?

Ci sono varie ragioni: ci sono fattori ereditari, o forse siamo cadute sul sacro o il coccige, anche molti anni fa. Delle aderenze possono essersi formate per via di infezioni o interventi, e anche il vissuto traumatico ha un’influenza. Lo stile di vita non è indifferente: la nostra postura cosi come l’esercizio fisico che facciamo hanno un effetto profondo sul corpo.

Che impatto ha, concretamente?uterus position

Premendo sugli organi vicini, l’utero potrebbe influenzare la propria e la loro funzionalità, se questa situazione si perpetua nel tempo si potrebbero manifestare disagi anche seri. Potrebbero essere le ovaie, indispensabili per avere una buona produzione ormonale e cicli regolari. Magari è il colon a soffrire, e quando l’utero sta mestruando si creano coliche e una digestione diversa. O forse la vescica, con un stimolo ad orinare un po’ troppo frequente o infezioni urinarie.

Quello che è sicuro è che in questo caso la linfa, il sangue e l’energia non riescono a circolare bene nella zona. Con conseguente difficoltà ad evacuare le tossine e ad alimentare i tessuti in ossigeno e nutrienti, e ripercussioni anche sulla circolazione nelle gambe e la tensione nel diaframma.

Inoltre, se l’utero ha difficoltà ad evacuare il sangue mestruale, potrebbe contrarsi molto per lo sforzo e creare forti crampi e dolori, cosi come difficoltà di concepimento.
Si noteranno allora delle perdite scure all’inizio o alla fine delle mestruazioni, o dei grumi.

Ma allora cosa possiamo fare?

Direi che il primo passo sia creare le condizioni per migliorare la circolazione in tutto il bacino. L’esercizio fisico aiuta, ma non qualsiasi: correre sul cemento per esempio, soprattutto in certi periodi del ciclo, potrebbe avere un impatto sulla salute dei legamenti e quindi sul posizionamento dell’utero stesso. Una ginnastica dolce invece, yoga o danza, ci rendono più flessibili e promuovono la salute dei vari organi.

Per dare un aiuto in più, i trattamenti addominali Arvigo® sono molto utili: questo massaggio d’origine Maya lavora sull’omeostasi del bacino e dell’addome, sulle adesioni e i legamenti per aiutare gli organi a posizionarsi e funzionare in maniera ottimale. La circolazione migliora e il corpo può ritrovare le sue innate capacità di guarigione.

E voi, sapete com’è posizionato il vostro utero?

Queste informazioni non si sostituiscono in nessun caso ad un parere, una diagnosi, e cure mediche. Sono fornite a titolo indicativo, per migliorare il benessere intimo e come complemento per il sostegno del corpo. Per qualsiasi dubbio riguardo la tua salute, rivolgiti al tuo medico o alla tua ostetrica.

Condividi

Altri articoli che potrebbero interessarti :

medicina

I 7 insegnamenti di una medicina al servizio delle donne

pma

La Procreazione Medicalmente Assistita è un’opzione valida?

Immagini Giugno 06

Ricerca di gravidanza: funzionano i metodi naturali?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *