ArvigoLa circolazione all’interno del nostro bacino è molto importante. Gli organi devono potersi muovere, venire alimentati in ossigeno e nutrienti dalle arterie, ed evacuare le tossine tramite le vene e la linfa.

Ma purtroppo, spesso delle aderenze, dovute a infezioni passate, una postura sabgliata, cadute e traumi, e altri fattori, impediscono la libera circolazione degli organi riproduttivi, causando una serie di difficoltà, quali le cisti ovariche, i fibromi e i polipi uterini, infezioni frequenti o dolori durante i rapporti.

Aiutare a decongestionare la zona può aiutare gli organi a ritrovare l’omeostasi, cioè il loro funzionamento in equilibrio. Né potrebbe conseguire una detossificazione della zona ed un miglioramento dei sintomi osservati.

Anche la digestione è fondamentale, con un’impatto sulla funzione ormonale, il sistema immunitario e le emozioni.

Una tecnica proveniente dal Belize ci aiuta molto in questo senso, con un massaggio addominale, l’auto-massaggio e altre modalità da effettuare a casa, quali i vapori vaginali e gli impacchi.

I trattamenti addominali Arvigo® hanno come scopo di sostenere la salute digestiva e riproduttiva, migliorando la circolazione e l’omeostasi del bacino.

Queste modalità favoriscono la preparazione del corpo in vista del concepimento, o la transizione per una menopausa serena. E’ anche molto utile agli uomini, favorendo il buon funzionamento della prostata.

Desideri saperne di più? Trovi la lista di professionisti Arvigo® in Italia su questo sito.

Queste informazioni non si sostituiscono in nessun caso ad un parere, una diagnosi, e cure mediche. Sono fornite a titolo indicativo, per migliorare il benessere intimo e come complemento per il sostegno del corpo. Per qualsiasi dubbio riguardo la tua salute, rivolgiti al tuo medico o alla tua ostetrica.

Condividi

Altri articoli che potrebbero interessarti :

endometriosi

Dolore pelvico cronico (endometriosi e vulvodinia) – 22 sett a Milano

vapeurs vaginales

Vapori vaginali: 5 ragioni per farli

endométriose

Endometriosi: testimonianza di una guarigione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *